II. ASSEMBLEA-FORUM DELLA CLN - 1/2/3 SETTEMBRE

II. ASSEMBLEA-FORUM DELLA CLN - 1/2/3 SETTEMBRE
Grande Albergo Fortuna - Chianciano Terme

4.5.17

Crisi Alitalia: metafora di una classe non dirigente di Ugo Boghetta

L'Alitalia, la sua crisi, è tornata d'attualità. 
Non è la prima volta. 
Ho seguito per molto tempo la questione insieme ai compagni del settore quando ero in Commissione Trasporti della Camera ai tempi di Cempella, Schisano, Cimoli.

Anche allora i lavoratori lottarono duramente. In testa c'erano i piloti dell'Anpac: sindacato legato alla destra. Ma la destra li mollò brutalmente.

Questa volta il ricatto era più forte ed unanime. Per questo il voto NO al referendum è stato ancor più coraggioso e importante.

Se guardiamo bene, ricorda il NO greco alla Troika, la Brexit, il referendum sulla Costituzione, Trump. Anche la Francia è andata vicino, almeno come somma dei voti di Le Pen e Melachon.
Anche questo risultato, dunque, è l'ennesima dimostrazione della crisi di consenso delle cosiddette classi dirigenti.

Il problema è che il vecchio muore e il nuovo fatica a nascere.
Questo è il problema che da subito hanno dinnanzi i lavoratori dell'Alitalia ed il sistema paese.
Già, il sistema paese. infatti sarebbe riduttivo e sbagliato restringere la questione solo ad un'azienda ed ai suoi lavoratori. 

Se abbiamo una visione parcellizzata come quella del governo: ogni problema è isolato. 
Le cose invece cambiano se ampliamo lo sguardo e guardiamo al sistema paese ed ai suoi interessi. 
In questo senso la vicenda riguarda altri lavoratori, imprenditori e i conti economici generali.

Infatti, un paese a vocazione turistica e con il più grande patrimonio culturale mondiale, avrebbe bisogno di una compagnia di bandiera che operasse per gli interessi di questa realtà nazionale. 

Solo gli ingenui e i cretini pensano che le altre compagnie di bandiera, pur per convenienza proprio lavorino per noi. 
In realtà Air France, British Airways, Lufthansa prima portano le persone a Parigi, Londra, Francoforte, poi in Italia. 
In secondo luogo, e questo riguarda anche i voli interni, il trasporto originato dal nostro paese, ma realizzato da compagnie straniere, porta i profitti all'estero. Per non parlare delle sovvenzioni pubbliche locali ai vettori che svolgono i voli interni. È quanto accade quotidianamente nel trasporto merci. La quasi totalità della movimetazione va su gomma ed è in larga parte appannaggio di aziende della logistica del Nord Europa (magari con autisti ungheresi). Questi fanno affari con il nostro traffico, ma il profitto va in Olanda o Germania. A noi rimangono incidenti, morti, feriti, inquinamento costi delle infrastrtture, bilanci.

I governanti credono, o vogliono far credere, che la cosa migliore sia lasciar fare la liberista "mano invisibile del mercato" che allocherebbe le risorse nel modo migliore. Bisogna essere idioti o venduti per credere a questa balla. 


A costoro, ora, si sono aggiunti anche Di Maio e Di Battista!

Poichè è un'evidente bugia, una tesi smetita mille volte, è diventata una fede a prova di qualsiasi verifica. 

In realtà "questa mano invisibile" funziona come la Giustizia: è bendata ma ci vede benissimo.
I risultati sono sotto gli occhi di tutti. 


Da quando siamo in mano alla mano invisibile del mercato europeo (cioè della Finanza e della Germania) abbiamo perso il 25% del nostro apparato industriale e il controllo sulle più grandi aziende. 
Le privatizzazioni non hanno aumentato né qualità né abbassato i prezzi; salvo il settore delle tlc per motivi di innovazione tecnologica. 
Andamento anch'esso a fine corsa.

In tutte le travagliate fasi dell'Alitalia, è sempre mancata il governo, la politica.
Quando c'è stata è per motivi clintelari-territoriali come l'apertura di Malpensa: uno dei cancri di AZ. 

È mancato chi facesse gli interessi legittimi di tutto il sistema-paese.

Quindi abbiamo tre motivi per ricostruire una compagnia di bandiera pubblica: i lavoratori Alitalia e dell'indotto, i lavoratori e imprenditori dei settori turistici e della cultura, i conti economici del paese.


Mi sembrano argomenti e interessi assai corposi per cambiare politica. 

Una politica d'intervento pubblico per dare nuove e diverse prospettive economiche, occupazionali. 
Ovviamente si tratta di ripensare la gestione dell'intervento pubblico, un serio controllo del Parlamento, dei lavoratori, dei cittadini.

*QUi il gruppo facebook, nato su iniziativa della CLN, che chiede al governo di nazionalizzare Alitalia.

0 commenti:

Posta un commento

I commenti sono moderati preventivamente dalla redazione. Ogni commento sarà pubblicato a condizione che le opinioni espresse siano rispettose, attinenti al tema e costruttive. Non verranno pubblicati i commenti con invettive, insulti, ingiurie, o quelli di soggetti il cui scopo è polemizzare a prescindere con la redazione.

TEMI

Confederazione per la Liberazione Nazionale (31) CLN (21) Alitalia (13) nazionalizzazione (11) C.L.N. (9) Beppe De Santis (8) Italia Ribelle e Sovrana (7) Noi siciliani con Busalacchi (7) Sicilia Libera e Sovrana (7) sinistra (7) Costituzione (6) II assemblea della CLN 1-3 settembre 2017 (6) Unione Europea (6) elezioni regionali siciliane 2017 (6) sovranità nazionale (6) Fabio Frati (5) Noi Mediterranei (5) Risorgimento Socialista (5) Sandokan (5) immigrazione (5) Alitalia all'Italia (4) CUB trasporti (4) Cerveteri Libera (4) Ferdinando Pastore (4) Leonardo Mazzei (4) Luca Massimo Climati (4) Sicilia (4) sovranità popolare (4) Flat tax (3) Germania (3) Italia (3) Lega Nord (3) Matteo Renzi (3) euro (3) legge elettorale (3) popolo (3) sistema proporzionale (3) 25 aprile 2017 (2) Antonio Amoroso (2) Forza del Popolo (2) Francia (2) Franz Altomare (2) In nome del popolo italiano (2) Luciano Canfora (2) Macron (2) Matteo Salvini (2) Movimento 5 Stelle (2) Partito Democratico (2) Pd (2) Piattaforma sociale Eurostop (2) Piemme (2) Programma 101 (2) Resistenza (2) Riccardo Achilli (2) Ugo Boghetta (2) antifascismo (2) crisi (2) democrazia (2) destra (2) elezioni (2) globalizzazione (2) mercato (2) neoliberismo (2) patriottismo repubblicano (2) populismo (2) 2 giugno (1) Air France-Klm (1) Alessandro Chiavacci (1) Angelo Panebianco (1) Arditi del Popolo (1) Armando Siri (1) Articolo 1-Mdp (1) BCE (1) Banca centrale (1) Bernie Sanders (1) CUB (1) Carlo Formenti (1) Cerveteri (1) Chianciano Terme (1) Civitavecchia (1) Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (1) Daniela Di Marco (1) Delta Air Lines (1) Diego Fusaro (1) Edoardo Biancalana (1) Elkaan (1) Emmanuel Macron (1) Emmezeta (1) Enea Boria (1) Enrico Laghi (1) Eurogruppo (1) Europa (1) Fabrizio De Paoli (1) Festa della Repubblica (1) Fiat Chrysler (1) Fiscal Compact (1) Fondamenta (1) Franco Busalacchi (1) George Soros (1) Giuliano Pisapia (1) Giuseppe Angiuli (1) Grassobbio (1) Grecia (1) Indipendenza e Costituzione (1) Intesa Sanpaolo (1) Jean Luc Mélenchon (1) Jean-Claude Juncker (1) Jens Weidmann (1) Jeremy Corbyn (1) La variante populista (1) Le Pen (1) Leoluca Orlando (1) Lillo Musso Massimiliano (1) Luigi Gubitosi (1) Manifestazione Nazionale 25 marzo 2017 (1) Marco Zanni (1) Mauro Scardovelli (1) Mimmo Porcaro (1) Moreno Pasquinelli (1) NPL (1) Norberto Fragiacomo (1) ONG Jugend Rettet (1) Papa Bergoglio (1) Piano per la Rinascita di Alitalia (1) Pomigliano d’Arco (1) Quantitative easing (1) Reggiani Macchine (1) Regno Unito (1) Risorgimento (1) Rivoluzione Democratica (1) Roberta Lombardi (1) Senso Comune (1) Socialismo (1) Stefano Paleari (1) Stx (1) Toni Negri (1) Troika (1) Tsipras (1) Wolfgang Münchau (1) aiuti di Stato (1) ambiente (1) americanizzazione (1) anarco-immigrazione (1) assemblea fondativa (1) autodeterminazione dei popoli (1) azienda strategica (1) blocco sociale (1) bollette non pagate (1) capitalismo (1) centro-destra (1) centro-sinistra (1) change.org (1) classe (1) classi sociali (1) compagnia di bandiera pubblica (1) comunità (1) costo del lavoro (1) debitocrazia (1) debitori (1) economia (1) elezioni comunali 2017 (1) elezioni comunali siciliani 2017 (1) fabbrica (1) governabilità (1) immigrazione sostenibile (1) incendi (1) internazionalismo (1) italiano (1) lavoratori (1) lavoro (1) legittima difesa (1) libero mercato (1) libero scambio (1) licenziamento (1) lingua (1) lingua nazionale (1) liste civiche (1) mercato libero (1) mercatol (1) migranti (1) nazionalismo (1) neolingua (1) operai (1) ordo-liberismo (1) ordoliberismo (1) partito della nazione (1) patriottismo (1) patriottismo costituzionale (1) petizione (1) piena occupazione (1) politica monetaria (1) post-operaismo (1) poveri (1) povertà (1) precari (1) precariato (1) premio di maggioranza (1) privatizzazione (1) privatizzazioni (1) rappresentanza (1) razzismo (1) referendum Alitalia (1) ricchezza (1) ricchi (1) schiavismo (1) seconda Repubblica (1) sinistra anti-nazionale (1) sistema tedesco (1) sovranismo (1) spread (1) stella rossa (1) tagli ai salari (1) tagli all'occupazione (1) tasse (1) xenofobia (1) élite (1)

Blogger templates